Spedizione Gratis!
 
 
 
Kiwido Media|Video
Roma, Kiwido, 01/09/2006
Dal 2006: grafiche, produzione e post-produzione audio-video, montaggi, remix e restauri, videografiche, compositing, sottotitolazioni, authoring di dvd per enti, societÓ di comunicazione, broadcasting, produzioni e distribuzioni cine-televisive.
 
Anonimatografo
Paolo Gioli
Italia, 1972 Trailer 30'  |  Trailer 90'  |  Foto 1  |  Foto 2
 
Durata: 26m58s
 
 

Questo film è stato girato a passo-uno e realizzato con durissimi avvicinamenti ottici. Anonimatografo; immagine rianimata di uno sconosciuto "amateur" inizio secolo, imborghesito al focolare degli amici, con foto-cinecamera. Interni ed esterni circondati dalla guerra e dalle sorelle. Ho tentato di ricostruire uno strampalato film-diario, a cui ho strappato faticosamente paginette di fotogrammi. Se ne stavano impressionati e abbandonati in negativo su una certa quantità di rullini fotografici. Giuntati alla rinfusa in due rulli di sessanta metri in 35mm e acquistati da me a lire 500 ad uno straccivendolo. Molte immagini erano in verticale, altre impressionate a metà; a tratti sviluppate bene, a tratti non bene. Ho tentato di animare questi piccoli rulli con la tecnica detta dello "sfarfallio" e con leggeri tocchi stroboscopici; un film non consigliabile ad alcuno. Da un non-film potesse nascere almeno un pre-film; piccola storia d'innocente filmmaker "anonymus", com'è un poco la mia.
Sovrapponendo così, direttamente la mia immaginazione agli strati di negativi e sincopando i fotogrammi, in un manomesso block notes come elettrico. In questo mosaico di andirivieni cinetici, ho cercato Lui, l'autore involontario della mia  sperimentazione. Forsennato catalogatore di immagini, diviso tra locomotive e signorine, pellicola e bambini orfani, gite e soldati. In sala, fra il pubblico, un signore potrà casualmente rivedere i propri fotogrammi "rubati", e... uccidermi.

 
Dvd
Paolo Gioli
Un cinema dell'impronta
Coedizione tra CSC e Kiwido a cura della Cineteca Nazionale, il volume include il dvd 6 film di Paolo Gioli con i lavori inediti dell'artista veneto. 256 pagine con un ricco apparato iconografico con contributi di Bordwell, Bouhours, Di Marino, Fragapane, Pa´ni, Sanborn, Volpato, sottolineano l'inestricabile legame tra pittura, fotografia e cinema.