eventi kiwido italia (it) - international (en) rassegna stampa kiwido
kiwidomediabookshop
 
   

>
 

Roma, 30/10/2018

Visuals Kiwido per Esodo 1876-1976 di Ashai Lombardo Arop @ Lo Spazio

ore 20:30: Teatro Lo Spazio, Via Locri 42/44

 

Racconto in musica di Ashai Lombardo Arop

Con testi liberamente ispirati a Gian Antonio Stella, Augusta Molinari, Edmondo De Amicis, Emilio Franzina, Ludovico Incisa di Camerana, Kahlil Gibran e tanti altri

Con Ashai Lombardo Arop (voce e danza), Lorenzo Barone (chitarra), Mario Puorro (batteria e tamburi a cornice), Luca Bloise (percussioni africane), Andrea Chia (basso elettrico), Giulia Alvear Calderon (danza), Maristella Viti (danza), Federico Carra (visuals)

"Accovacciati sulla coperta, presso le scale, con i piatti tra le gambe, e il pezzo di pane tra i piedi…ognuno può immaginarsi che cosa sia una coperta di piroscafo sballottato dal mare, sul quale si rovesciano tutte le immondizie volontarie ed involontarie di quella popolazione viaggiante…"navi di Lazzaro", erano definite queste "carrette del mare", dove si viveva in condizioni incredibili di sovraffollamento, che dava inevitabilmente luogo a epidemie, con i naufragi all'ordine del giorno…".
Questo testo sembra raccontare una storia recente, consumata il più delle volte nel Mar Mediterraneo, con un picco altissimo, di approdi e non-approdi, raggiunti negli ultimi anni. E, invece no. Questo testo è tratto da un libro del 1988, ormai fuori catalogo, quasi introvabile, che si intitola "Le navi di Lazzaro" di Augusta Molinari, parla dell'Oceano Atlantico e dei barconi della speranza carichi di italiani, quasi 300.000 l'anno, che hanno fatto avanti indietro tra il 1876 e il 1976, periodo chiamato il secolo del grande esodo.
La storia dunque si ripete, ma la memoria, non aiutata dai media, sembra perdersene un grande pezzo, portandoci a considerare in modo pericolosamente dispregiativo esseri umani che, in fondo, stanno vivendo ciò che ha vissuto il nostro popolo fino a 40 anni fa.
Esodo vuole raccontare pezzi di questa storia, utilizzando l'approccio diretto della narrazione frontale, veicolata dalla musica e dalla danza, dall'afro al blues, dal popolare al reggae, con cui si cercherà di divertire, appassionare, ma anche riportare alla memoria un senso comune di civiltà.

Teatro Lo Spazio
SALA PROVE, CASTING, TEATRO DI POSA, SALA DANZA, LOCATION CINEMA E TV
EVENTI - CONVEGNI - CONGRESSI - SPAZI PER LABORATORI - SEMINARI - FESTE
Roma, Via Locri 42/44,
(traversa di Via Sannio, a 100 metri da Metro S. Giovanni)

Direzione Artistica: Francesco Verdinelli